Italiano - English - Area riservata
Curriculum - Prof.ssa Anna LOY

Curriculum

aloy_it.pdf

Anna Loy

Curriculum vitae

 

Dati personali:

Data e luogo di nascita: Roma, 20.08.1956

Stato civile: sposata, due figli

Cittadinanza: Italiana

Indirizzo: Dip. Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio

Università del Molise, Via Mazzini, 86170 Isernia

Tel: 0865 4789 76

e-mail: a.loy@unimol.it

 

 

Posizione attuale:                       Professore Associato

Settore BIO/05

                                               Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

                                               Università degli Studi del Molise

Posizione pregressa (2000-2007):           Ricercatore 

Settore BIO/05

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi del Molise

 

Titoli di studio:     Laurea cum laude in Scienze Biologiche

                                   Università degli Studi La Sapienza, 1981

                                   Relatore: Prof. Luigi Boitani

 

Titolo accademico: Dottorato di Ricerca

Biologia Evoluzionistica, VI ciclo, 1992

                                   Docente guida: Prof. Ernesto Capanna

                                  

Altri titoli:            Borsa di studio quadriennale ‘Censimento e Catalogazione dei beni Ambientali e Culturali della Regione Lazio (deliberazione n.6810/1981). 1a classificata.

 

Borsa di studio per attività di ricerca Post-dottorato, settore Biologia, Università degli Studi ‘La Sapienza’ (D.R. 05.10.1994).

 

Idoneità Professore Universitario II fascia D.R.b232 13.02.07

 

Conoscenza delle lingue:      Ottima conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata

Buona conoscenza della lingua francese, scritta e parlata


 

 

Attivita’ didattiche

 

Affidamenti interni

 

a.a.2000-2001Corso di Biologia Animale  (80 ore) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2001-2002Corsi di Zoologia (8 CFU) e di Ecologia Animale (80 ore) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2001-2002Seminari di ‘Didattica delle Scienze’ per il corso di laurea in Scienza della Formazione Primaria presso il Centro Colozza dell’Università del Molise

a.a. 2002-2003Corsi di Zoologia (4 CFU) e di Ecologia Animale (8 CFU) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2004-2005Corsi di Zoologia (4CFU), Diversità Animale (4CFU),Zoologia Adattativa  (4CFU) e di Ecologia e Conservazione della Fauna (5CFU) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2005-2006Corsi di Zoologia (4CFU), Diversità Animale (4CFU),Zoologia Adattativa  (4CFU) e di Ecologia e Conservazione della Fauna (5CFU) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2006-2007 Corsi di Zoologia (4CFU, STB), Zoologia (4CFU, SAN), Ecologia Animale  (5CFU, SAN) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise

a.a. 2007-2008 Corsi di Zoologia (4CFU, STB), Anatomia Comparata (3CFU, STB)  Zoologia (4CFU, SAN), e di Ecologia Animale  (5CFU, SAN) per i corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Bioanalitiche e Scienze per l’Ambiente e il Territorio della Facoltà di S.M.F.N. Università del Molise; Gestione  e Conservazine della Fauna, laurea magistrale in Scienze Ambientali e Forestali, interfacoltà Scienze MMFFNN e Agraria Università del Molise

a.a. 2008-2009Corsi di Zoologia E elementi di anatomia comparata (8CFU, SB), Zoologia (4CFU, SAN),Ecologia animale (5CFU,SAN), Zoologia e Ecologia dei Vertebrati (8 CFU, laurea magistrale BAM) per i corsi di laurea triennale in Scienze Biologiche,  Scienze per l’Ambiente la Natura della Facoltà di S.M.F.N., laurea magistrale in Biologia Ambientale Università del MoliseGestione  e Conservazine della Fauna, (5 CFU),  laurea magistrale in Scienze Ambientali e Forestali, interfacoltà Scienze MMFFNN e Agraria Università del Molise

a.a. 2009-2010Corsi di Zoologia E elementi di anatomia comparata (8CFU, SB), , Zoologia e Ecologia dei Vertebrati (5 CFU, laurea magistrale BAM) per i corsi di laurea triennale in Scienze Biologiche e laurea magistrale in Biologia Ambientale Università del Molise.

 

 

 

Affidamenti esterni

 

A.A. 2005-2006 Corso di Anatomia Comparata  (corso di recupero) (5CFU),  per il corso di laurea triennale in Scienze Biologiche, Facoltà Scienze MMFFNN, Università degli Studi ‘La Sapienza’ di Roma.

A.A. 2006-2007 Corso di Anatomia Comparata   (5CFU),  per il corso di laurea triennale in Scienze Naturali , Facoltà Scienze MMFFNN, Università degli Studi ‘Sapienza’ di Roma.

A.A. 2006-2007Modulo  di Morfometria   (3CFU),  per il corso di laurea magistrale  in Biologia molecolare , Facoltà Scienze MMFFNN, Università degli Studi ‘Sapienza’ di Roma.

 

 

 

 

Attività di didattica a distanza (e-learning):

 

A.A. 02-03Corso on-line in Zoology(4CFU), Corso di Laurea Internazionale in ‘Sciences and Technology for the Environment ’ gestito dall’Università del Molise (Italia) per le  Università di Spalato (Croazia) e Targovitze (Romania). 

 

A.A. 03-04 Wildlife Ecology and Conservation(4CFU),  Corso di Laurea Internazionale in ‘Environmental Sciences’ gestito dall’Università del Molise (Italia) per le  Università di Spalato (Croazia) e Targovitze (Romania). 

 

A.A. 05-06Corso diGestione della Fauna selvatica negli ambienti montani, Master universitario di secondo livello ‘Gestione e Conservazione dell’Ambiente Montano’ . Università del Molise - Istituto Nazionale della Montagna.

 

2005 – Rappresentante per l’Italia dell’SSC Otter Specialist Group IUCN

Pubblicazioni ISI

 

1.       Carranza M. L., D’Alessandro E., Saura S., Loy A. (under revision). Assessing habitat connectivity for semi-aquatic vertebrates. The case of the endangered otter in Italy. LANDSCAPE ECOLOGY.

2.       Cianfrani C.; Le Lay G.; Maiorano L.  ; Satizábal H. F; Loy A., Guisan A. (in press) Adapting global conservation strategies to climate change at the European scale: the otter as a flagship species. BIOLOGICAL CONSERVATION.

3.       Loy A.,  ColangeloP.,  Annesi F. , Capanna E. (in press).Plio-Pleistocenic climatic changes and the origin of Western European moles.Proceedings of the International Workshop ‘The Quaternary Legacy – Phylogeography and climatic changes in Southern Europe’, Lisbon, 22-23 October 2004.Molecular Ecology

4.       Loy A, Tamburelli A., Carlini R., Slice D. E. 2011. Craniometricvariation in some Mediterranean and Atlantic populations of  Stenella caeruleoalba(Mammalia, Delphinidae): a 3D geometric morphometrics analysis. Marine Mammal Science . Accepted  April  2010 (MMSCI 3037) IF 2009: 1.526.DOI: 10.1111/j.1748-7692.2010.00431.x

 

5.       Carone M.T., Simoniello T., Coppola R., D'Emilio M., Lanfredi M., Proto M., Carranza M.L.,
Loy A., Macchiato M. 2010. Analysis of landscape structure and connectivity at watershed scale. FRESENIUS ENVIRONMENTAL BULLETIN (F-2009-533_MESAEP) 19: 2361-2366.

 

6.       Loy A., Boitani L., Bonesi L., Canu A., Di Croce A., Fiorentino P. L., Genovesi P., Mattei L., Panzacchi M., Prigioni C., Randi E., Reggiani G. 2010. The Italian action plan for the endangered Eurasian otter Lutra lutra. HYSTRIX IT. J. MAMM. (n.s.) 21(1) : 19-33

 

7.       Vega R., Amori G., Aloise G., Cellini S., Loy A. and Searle J. B. 2010. Genetic subdivision in a Mediterranean glacial refugium: studies on Italian pygmy shrews (Sorex minutus, Mammalia, Soricomorpha). BIOLOGICAL JOURNAL OF THE LINNEAN SOCIETY. 100: 774–787. DOI: 10.1111/j.1095-8312.2010.01454.x

8.       Colangelo P., Bannikova A., Kristufek B., Lebedev V. F., Annesi F., Capanna E., Loy A. 2010. Molecular Systematic and evolutionary biogeography of the genus Talpa(Soricomorpha: Talpidae). MOLECULAR PHYLOGENETIC AND EVOLUTION55(2):372-80

 

9.       Cianfrani C., Le Lay G., Loy A.,  Hirzel A. H. 2010.  Do habitat suitability models reliably predict the recovery areas of threatened species? JOURNAL OF APPLIED ECOLOGY 47 (2): 421-430. DOI: 10.1111/j.1365-2664.2010.01781.x

10.   Loy A., Cianfrani C. 2010.The ecology of  Eurotestudo h.hermanni  in a mesic area of southern Italy. First evidences of sperm storage. ECOLOGY, ETHOLOGY ANDevolution22(1): 1-16.

 

11.   Viscosi V., Fortini F., Slice D. E., Loy A., Blasi C. 2009.Geometric morphometric analyses of leaf variation in four oak species of subgenus Quercus (Fagaceae). Plant Biosystem 143(3): 575 - 587.

 

12.   Loy A.;Carranza M.L.,Cianfrani C., D’Alessandro E., Bonesi L., Di Marzio P., Minotti M., Reggiani G. 2009. Otter Lutra lutra population expansion: assessing habitat suitability and connectivity in south-central Italy.FOLIA ZOOLOGICA 58(3): 309-326. DOI

 

13.    Loy A., Galfo M., Genov P., Vigna Taglianti A. 2008. Cranial morphometrics of the Apennine brown bear (Ursus arctos marsicanus) and preliminary notes on the relationships with other southern European populations. Italian Journal of Zoology  75 (1): 67-75.

 

14.   Giri F., Collins P., Loy A. 2008. Size and shape variation of freshwater crabs Aegla riolimayana and A. neuquensisin Argentina: the influence of sexual dimorphism, habitat and species interactions. Journal of Crustacean Biology. 28: 37-45.  

 

15.   Loy A., Ramacciato V., Gentilotti F., Capula M.  2007. Demography of Eurotestudo hermanniin a mesic area of Central Italy. AMPHIBIA-REPTILIA 28: 87-95.

 

16.   Raia P., Meloro C, Loy A., Barbera C. (2006) Species occupancy and its course in the past: macroecological patterns in extinct communities. EVOLUTIONARY ECOLOGY RESEARCH 8: 181-194.

 

17.   Beolchini F., Loy A. 2004. Diet of sintopic moles  T.romana  and T. europaea  in central Italy. Mammalian Biology, 69: 1-5.

 

18.   Loy A., Corti M., Adams, D. C., Slice D. E., Rohlf J. F. 2004. Introduction to the proceedings of the Rome 2002 Geometric Morphometrics workshop. Homage to Leslie F. Marcus.Italian journal of Zoology, 71(1): 1-3.

 

19.   Loy A., Corti M., Adams, D. C., Slice D. E., Rohlf J. F. (Eds) 2004. Proceedings of the Rome 2002 Geometric Morphometrics workshop. Homage to Leslie F. Marcus.Italian journal of Zoology, 71(1): 1-88.

 

20.   Loy A.,  Spinosi O., Carlini R. 2004. Cranial morphology of Martes foinaand Martes martes(Mammalia, Carnivora, Mustelidae): the role of size and shape on sexual dimorphism and  interspecific differentiation. Proceedings of the Geometric Morphometric Workshop, Museo Civico di Zoologia di Roma, Rome, 19-24 January 2002. Italian journal of Zoology, 71(1): 27-35.

 

21.   Loy A, Capula M., Palombi A., E. Capanna. 2001. Genetic and morphometric evidence of past introgression between Talpa europaeaand Talpa romanaalong a parapatric contact zone. Journal OF ZOOLOGY, 254: 229-238. DOI: 10.1017/S0952836901000747

 

22.   Borroni A., Loy A., Capanna E. 1999. A flexible arrangement for the study of moles in captivity. ACTA THERIOLOGICA 44(2): 207-214

 

23.   Loy A, E. Capanna. 1998. A parapatric contact area between two species of moles (genus Talpa): character displacement investigated through the geometric morphometric of skull. Acta Zoologica academiae scientiarum Hungaricae 44 (1-2): 151-164.

 

24.   Beolchini F., E. Duprè, A. Loy. 1996 Territorial behaviour of Talpa romanaThomas in two different habitats: food resources and reproductive needs as potential causes of variation. Zeitschrift für Säugetierkunde 74:1-9.

 

25.   Loy A., S. Di Martino, D. Capolongo. 1996. Patterns of geographic variation of Talpa romanaThomas: preliminary results derived from a geometric morphometric approach. Mammalia, 60(1): 77-89.

 

26.   Rohlf F. J., A. Loy, M. Corti. 1996 Morphometric analysis of Old World Talpidae (Mammalia, Insectivora) using partial warp scores. Systematic  Biology, 45(3): 344-362.

 

27.   Loy A., M. Corti. 1996  Distribution of Talpa europaea(Mammalia, Insectivora, Talpidae) in European biogeographic hypothesis based on morphometric data. Italian Journal of Zoology 63(3): 277-284.

 

28.   Loy A., F. Beolchini, S. Martullo, E. Capanna. 1994. Territorial behaviour of Talpa romana(Mammalia, Insectivora, Talpidae) in an olive grove environment in Central Italy. Bollettino di Zoologia (now ITALIAN JOURNAL OF ZOOLOGY) 61: 207-211.

 

29.   Loy A., E. Duprè, E. Capanna. 1994. Territorial behaviour in Talpa romana, a fossorial insectivore from south central ItalyJournal of Mammalogy . vol. 64(3): 365-370

 

30.   Capanna E., M. Corti, A. Loy, M.L. Azzaroli 1985. Multivariate analysis on osteometric traits of italian moles. Zeitschrift für Säugetierkunde 50: 12 - 17.

 

31.   Boitani L., A. Loy, P. Molinari 1985. Temporal and spatial displacement of two rodent species (Apodemus sylvaticusand Mus musculus) in a mediterranean coastal environment. Oikos, 45: 246-252.

incarichi accademici

 

2002-2005                            Responsabile Laboratorio di Ecologia e Biologia 

A.A. 2003-2004   Responsabile XIV Settimana Cultura Scientifica e Tecnologica facoltà Scienze MM FF NN

A.A. 2004-2005   Responsabile XV Settimana Cultura Scientifica e Tecnologica facoltà Scienze MM FF NN

Triennio 2002-2005            Rappresentate Ricercatori al Consiglio di Facoltà Scienze MMFFNN

Triennio 2005-2008            Rappresentate Ricercatori al Consiglio di Facoltà Scienze MMFFNN

Triennio 2008-2011            Componente Giunta del Dipartimento STAT

 

 

Tutoraggio Dottorati di Ricerca:

 

Pasquale Raia – Analisi delle comunità di Carnivori quaternari in Italia. Dottorato in Scienze Ambientali. XVI ciclo. Università degli Studi del Molise

Valeria Ramacciato – Studi di ecologia comportamnetale di Talpa in ambiente appenninico. Dottorato in Scienze Ambientali. XX ciclo. Università degli Studi del Molise

Lorenzo De Lisio – Monitoraggio e modelli di idoneità ambientale dell’avifauna nidificante in Molise. Dottorato in Scienze Ambientali. XIX ciclo. Università degli Studi del Molise

Carmen Cianfrani – Modelli di indoneità ambientali e rete ecologica per la conservazione della lontra europea. Dottorato in Scienze Ambientali. XIX ciclo. Università degli Studi del Molise

Paola Nicolosi – Morfometria geometrica e modelli di variazione intraspecifica  in Delphinus delphis . Dottorato in Scienze Ambientali. XXI ciclo. Università degli Studi del Molise

Federica Roscioni – Monitoraggio di Chirotteri e valutazione dell’ impatto di impianti eolici. Dottorato in Scienze Ambientali. XXI ciclo. Università degli Studi del Molise

Cotutoraggio Laura Lerone - Study of the Eurasian otter (Lutra lutra) population in Molise: ecological perspective and application of non-invasive genetic methods for future management of a threatened species. Università Roma Tre, tutor: Giuseppe Maria Carpaneto

Attività di ricerca

 

 

Analisi delle forme biologiche, biogeografia, filogenesi e variazioni adattative

 

 

dal 1984-            variabilita’ geografica di Vertebrati di interesse biogeografico e conservazionistico. Collaborazione l’Università di Roma ‘Sapienza’. Utilizzazione delle tecniche di morfometria tradizionale e geometrica in due e tre dimensioni. Taxa: Talpidi, Orso bruno, Delfinidi,  Mustelidi, genere Podarcis. Studio del significato adattativo e funzionale dell’asimmetria e allometria.

Collaborazioni con

Paolo Ciucci, Paolo Colangelo, Univeristà di Roma ‘La Sapienza’

Dennis F. Slice,Florida state University

Massimo Capula, Museo Civico Zoologia di Roma

 

Dal1982             Sistematica e filogeografia degli insettivori sotterranei

Applicazione delle tecniche della morfometria multivariata e della morfometria geometrica allo studio della variabilità geografica e filogenesi dei Talpidi

Collaborazioni con

Ernesto Capanna, Paolo Colangelo, Univeristà di Roma ‘La Sapienza’

Suzette Mouchati, ’Univeristà di Lund, Svezia.

 

dal1985              Sperimentazione e messa a punto dei metodi della morfometria geometrica in collaborazione con

JamesF. Rohlfdella State University of New York at Stony Brook

Fred L. Booksteindell’University of Michigan

DennisF. SliceFlorida state University

Dean E. Adamsdell’Iowa StateUniversity

 

 

2000                      Allestimento di un laboratorio di Morfometria Geometrica presso il Museo Civico di Zoologia di Roma. Nell’ambito del laboratorio segue i progetti in collaborazione con i curatori Massimo Capula e Rossella Carlini

- Variazione geografica del genere Podarcis in Sicilia (Reptilia, Squamata, Lacertidae)

- Variabilità di popolazioni di  Caretta caretta nel Mediterraneo

- Confronto di popolazioni atlantiche e mediterranee di Stenella coeruleoalba (Mammalia, Cetacea, Delphinidae)

Variabilità e valore adattativo del dimorfismo sessuale nei mustelidi

 

 

 

Biologia e Ecologia  di Vertebrati di interesse comunitario

 

dal 2004              modelli deduttivi e inferenziali di idoneità ambientale e di connettività per specie semiacquatiche . Utilizzazione di tecniche GIS e modelli statistici multivariati per eleborazione di mappe di distribuzione potenziale della lontra (Lutra lutra) a diverse scale spaziali. Teoria dei grafi e cammini di costo minimo applicati alla definizione della connettività longitudinale e laterale per la lontra in Molise. IN collaborazione con Maria Laura Carranza, Università del Molise; Antoine Guisan, Universitè de lausanne, Santiago Saura, Universidad de Madrid

 

dal 1988             ecologia comportamentale di mammiferi sotterranei.

Utilizzazione delle tecniche radiotelemetriche per lo studio del comportamento territoriale e dei ritmi di attività in popolazioni naturali di talpe (genus Talpa) e roditori fossori (genus Spalax), in Italia e Israele.

Collaborazione con David R. Stone dell’Università di Aberdeen per studio di ecologia comportamentale su Talpa  romana e T. europea.

Visita presso i laboratori di. Peter Vogel dell’Università di Losanna, Svizzera e di Andrè Meylan del Centre de Rechèrches Agronomique de Changins, Svizzera, per la messa a punto delle tecniche di indagine sugli insettivori.

Collaborazione con il Prof. Eviatar Nevo, direttore dell’Institut of Evolution di Haifa per lo studio di popolazioni selvatiche del complesso Spalax erehenbergi.

 

 

2002 -2005          ecologia comportamentale e dinamica di popolazione di Testudo hermanni.

Utilizzazione delle tecniche radiotelemetriche e metodi CMR per lo studio della dinamica di popolazione, il comportamento territoriale e i ritmi di attività popolazioni naturali di testuggini di Herman (Testudo hermanni).

 

1988 –2003         analisi delle preferenze alimentari dei talpidi europei

Indagini bromatologiche di popolazioni di Talpa romana e T. europaea lungo l’areale di distribuzione italiana.

Collaborazione con Giuseppe Carpaneto della III Università di Roma per l’identificazione  e determinazione dei contenuti stomacali. Applicazione degli indici di similarità e matrici trofiche per caratterizzare la nicchia trofica delle due specie.

 

1990 – 1999        Analisi dei ritmi circadiani dei mammiferi fossori in condizioni controllate.

Costruzione di un impianto sperimentale per l’allevamento in cattività e l’analisi automatizzata dei ritmi di insettivori sotterranei. Utilizzazione delle tecniche e degli algoritmi per lo studio delle periodicità circadiane e ultradiane e dei meccanismi di sincronizzazione dei Vertebrati.

Collaborazione con Menno Gerkema del Centro di Cronobiologia dell’Università di Groningen, Olanda, per l’analisi dei ritmi circadiani.

 

1980-1985            dinamica di popolazione e diversificazione della nicchia ecologica di micromammiferi in ambienti mediterranei. Utilizzazione delle tecniche CMR (cattura, marcaggio, ricottura) e tecniche di statistica multivariata finalizzate a studi di dinamica di popolazione e struttura del microhabitat in popolazioni simpatiche di Mus musculus e Apodemus sylvaticus.

 

1988 – 1990         caratterizzazione dell’habitat preferenziale dei Talpidi

Indagini sulla struttura dei suoli  in siti di presenza/assenza di Talpa romana in Italia.

Collaborazione con Giusi Downgiallo, pedologa presso il Dipartimento di Botanica dell’Università di Roma ‘La Sapienza’

 

 

 

Gestione e conservazione della fauna

 

dal 2000              Monitoraggio della fauna di interesse comunitario. Censimenti standardizzati di specie a rischio della fauna italiana .In particolare , Lontra  euroasiatica (Lutra lutra), Ululone appenninico (Bombina pachypus), avifauna nidificante, Testuggine di herman (Testudo hermanni)

2005-                     Distribuzione potenziale della fauna prioritaria nei proposti siti di importanza comunitaria del Molise.

2002-2005            Elaborazione di un modello di Analisi della Vitalità delle Popolazioniper un progetto di fattibilità della reintroduzione della coturnice sui Monti del Matese

2000-2005            Censimenti periodici della fauna di Lepidotteri eteroceri sui Monti del Matese, in collaborazione con il Prof. P. Trematerra (Dip. SAVA, Università del Molise).

1985 - 1986         Responsabile del progetto di censimento della lontra in Basilicata

Responsabile, con Gabriella Reggiani, del progetto di censimento della lontra nel Lago di Burano (GR). Ente finanziatore: WWF Italia, progetto ‘Censimento della lontra in Italia’.

Trainingin Galles e Scozia finanziato dal Vincent Wildlife Trust (Londra, UK), diretto da Sheila MacDonald e Chris Mason dell’Università dell’Essex, per acquisire le tecniche di censimento della specie.

1978-1980                   Progettazione, coordinamento del lavoro di campo, gestione banca dati e  e elaborazione cartografica per la redazione del ‘Piano pluriennale per la tutela della fauna minacciata di estinzione della regione Lazio’, progetto diretto dal prof. Luigi Boitani finanziato dalla Regione Lazio . Visita presso i centri di cartografia automatica  E.S.R.I di Monaco di Baviera, Birkbeck College di Londra e del Parco Nazionale di Berchtesgaden, Austria per acquisire le tecniche di cartografia automatica e SIT (Sistemi Informativi Territoriali) applicate alla gestione delle risorse naturali. E’ tra i primi utilizzatori in Italia del sistema pcARC-INFO di cartografia elettronica.